A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Home > Z > ZOMACTON





ZOMACTON

FERRING SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Somatropina.
ECCIPIENTI:
Flaconcino liofilizzato: mannitolo. Fiale solvente: sodio cloruro, alcool benzilico, ac-qua per preparazioni iniettabili.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Ormone della crescita (Somatropina) ottenuto da DNA ricom-binante.
INDICAZIONI:
Trattamento prolungato di bambini con deficit della crescita dovuto a increzioneinadeguata di ormone della crescita
CONTROINDICAZIONI:
Non deve essere impiegato in bambini con saldatura completa delle epifisi.Non deve essere somministrato a pazienti con neoplasie in fase attiva in genere ed in particolare con una lesione endocranica di base, dal momento che non puo` essere esclusa la possibilita`di un effetto promuovente la crescita del tumore. Prima dell`inizio di una terapia i tumori endocranici devono essere inattivi e la terapia antitumorale conclusa. Non deve essere somministra-to a pazienti con ipersensibilita` accertata all`alcool benzilico e ai neonati nei quali la somministrazione di alcool puo` costituire un rischio in quanto il solvente usato in questo pre-parato contiene alcool benzilico. Tali pazienti devono usare solo il preparato monodose Zomacton 4 che non contiene conservante nel suo solvente. Non deve essere impiegato durantela gravidanza e l`allattamento.
EFFETTI INDESIDERATI:
La somministrazione sottocutanea di ormone della crescita puo` causare unaatrofia o una ipertrofia di tessuto adiposo nella sede della iniezione. E` bene pertanto cambiare la sede della somministrazione sottocutanea a ogni iniezione. Raramente nella sede di iniezionesi e` avuta comparsa di dolore o di eruzione pruriginosa. Non e` stata finora osservata la formazione di anticorpi verso Somatropina o verso E. coli. Durante la terapia sostitutiva con ormonedella crescita e` stata segnalata cefalea transitoria. Benche` infrequentemente, durante il trattamento con ormone della crescita possono manifestarsi edemi reversibili di lieve entita`. In casiisolati, specialmente durante le prime settimane di terapia con ormone della crescita, e` stata riportata ipertensione endocranica benigna. I sintomi sono generalmente costituiti da cefalea,nausea e/o vomito e da disturbi della vista tali da richiedere un esame del fondo dell`occhio per la diagnosi di edema della papilla. Nella maggior parte dei casi i sintomi si sono risolti senzainterrompere la terapia; nei casi gravi occorre ridurre la dose o interrompere il trattamento.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Il trattamento deve essere effettuato solo sotto il diretto controllo di unMedico qualificato, esperto nel trattamento di pazienti con deficienza di ormone della crescita. Per bambini al di sotto dei 2 anni di eta` deve essere usato Zomacton 4U.I. Questa formulazionenon contiene alcool benzilico nella soluzione ricostituita. Occorre controllare nei pazienti la comparsa di intolleranza al glucosio in quanto l`ormone della crescita puo` indurre uno stato diresistenza all`insulina. Zomacton 12 deve essere usato con cautela nei pazienti con diabete mellito o con predisposizione familiare a tale malattia, esercitando un controllo accurato del gluco-sio urinario ed ematico. In bambini con diabete potrebbe essere necessario, durante la terapia con Zomacton, aumentare il dosaggio di insulina per mantenere il controllo della glicemia. Neibambini con ipofunzione dell`ipofisi si osserva talvolta a digiuno ipoglicemia, che puo` essere migliorata da trattamento con ormone della crescita. E` stato segnalato che alcuni di questi bam-bini, quando sono trattati con ormone della crescita tre volte alla settimana, accusano ipoglicemia nei giorni in cui non viene somministrato il farmaco. Pertanto nei bambini con ipoglicemiaa digiuno associata a ipofunzione ipofisaria, si raccomanda uno schema posologico che preveda la somministrazione giornaliera di ormone della crescita. Si consiglia un controllo frequen-te dei pazienti con deficit di ormone della crescita secondario a una patologia endocranica al fine di rilevare un aggravamento o una ricomparsa del processo morboso di base. Nel caso checio` si verifichi occorre interrompere la terapia con Zomacton. Si raccomanda di eseguire un esame del fondo dell`occhio per la diagnosi di un eventuale edema della papilla all`inizio e pe-riodicamente durante il corso del trattamento con ormone della crescita specialmente se i pazienti accusano grave o ricorrente cefalea, disturbi della vista, nausea e/o vomito, chepotrebbero essere indici di una ipertensione endocranica. Durante la terapia con ormone della crescita puo` comparire ipotiroidismo. Se questo ipotiroidismo viene curato in modo inadeguatoe` possibile che la terapia concomitante con Zomacton non dia risultati ottimali. Occorre quindi procedere a controlli regolari della funzione della tiroide e, se occorre, somministrare ormonidella tiroide. I pazienti con disturbi endocrini soffrono con maggiore frequenza di una dislocazione dell`epifisi della testa del femore. Pertanto il paziente trattato con Zomacton in cui si abbiacomparsa di claudicatio o di disturbi alle anche o alle ginocchia, deve essere sottoposto a controllo medico.
AVVERTENZE SPECIALI:
In un piccolo numero di pazienti con deficienza di ormone della crescita, siatrattati che non trattati con Somatropina, e` stata riscontrata la comparsa di leucemia. Gli esperti
non sono in grado di concludere, in base alle attuali conoscenze, se Somatropina sia respon-sabile di cio`. Se per il singolo paziente esiste un aumento del rischio, tale aumento e` modesto. USO DURANTE LA GRAVIDANZA E L`ALLATTAMENTO. Zomacton non deve essere impiegato durante lagravidanza o l`allattamento. Ne` in studi sull`uomo ne` in studi sugli animali e` stata dimostrata la sicurezza del trattamento con ormone della crescita durante la gravidanza. Neppure e` noto inquale misura gli ormoni peptidici passano nel latte materno.
INTERAZIONI:
La terapia con glicocorticoidi puo` inibire l`effetto stimolante la crescita di Zo-macton. Nei pazienti con deficit coesistente di ACTH (ormone adrenocorticotropo) la dose sostitutiva dei glicocorticoidi deve essere accuratamente controllata in modo da evitare unariduzione dell`effetto stimolante la crescita di Zomacton. Dosi elevate di androgeni, estrogeni o steroidi anabolizzanti, possono accelerare la maturazione delle ossa e inibire l`aumento dellacrescita. Data la possibilita` che l`ormone umano della crescita possa indurre uno stato di insulino-resistenza, puo` essere necessario aggiustare la dose di insulina nei pazienti che sono sottotrattamento concomitante con Zomacton.
POSOLOGIA:
La posologia e lo schema di somministrazione devono essere adattati alle esigenzedel singolo paziente. In genere si raccomanda una dose settimanale di 0,5 U.I./Kg - 0,7 U.I./Kg di peso corporeo corrispondenti a 0,17 mg/Kg - 0,23 mg/kg di peso corporeo o a 14,8 U.I./m2- 20,7 U.I./m
2 di superficie corporea suddivisa in 6 - 7 iniezioni sottocutanee. Nel caso di 7 iniezioni sottocutanee settimanali le dosi sopraindicate corrispondono ad 1 iniezione giornaliera di0,07 U.I./Kg - 0,1 U.I./Kg di peso corporeo, equivalenti a 0,023 mg/Kg - 0,03 mg/kg di peso
corporeo o a 2,1 U.I./m2- 3,0 U.I./m2 di superficie corporea. Non deve essere superata la dosesettimanale di 0,81 U.I./Kg di peso corporeo, corrispondente a 0,27 mg/Kg o a 24 U.I./m
2 di
superficie corporea corrispondente a iniezioni giornaliere non superiori a 0,116 U.I./Kg equiva-lenti a 0,039 mg/kg. La durata del trattamento, di solito un periodo di parecchi anni, dipendera`
dal massimo beneficio terapeutico conseguibile.
ISTRUZIONI PER L`USO E LA MANIPOLAZIONE:
PREPARAZIONE DELLA SOLUZIONE DI ZOMACTON 12. Ricostituzio-ne. La soluzione di Zomacton 12 viene preparata introducendo nel flaconcino di liofilizzato l`apposito solvente sterile isotonico contenente alcool benzilico come conservante. Possonoessere preparate due concentrazioni: 10 U.I./mL corrispondenti a 3,3 mg/ml (per impiego con ZomaJet 2 o con siringhe convenzionali) e 4 U.I./mL corrispondenti a 1,3 mg/ml (solo con siringhe convenzionali). La soluzione piu` concentrata 10 U.I./mL (3,3 mg/ml) puo` essere prepa-rata aspirando con una siringa graduata monouso dalla fiala solvente: 1,3 mL . Questa quantita` di solvente viene introdotta nel flaconcino di Zomacton 12 liofilizzato. Per ottenere una soluzionedi 4 U.I./mL (1,3 mg/ml) Zomacton 12 U.I. viene ricostituito con 3,2 mL di solvente. Per prevenire nella soluzione la formazione di schiuma, il solvente viene fatto scorrere lungo le pareti delflaconcino. Il flaconcino deve poi essere fatto ruotare delicatamente fino a che il contenuto sara` completamente disciolto e si otterra` una soluzione limpida e incolore. Dal momento che il prin-cipio attivo di Zomacton e` una proteina, e` sconsigliabile agitare o mescolare vigorosamente. Se dopo la miscelazione la soluzione e` torbida o contiene particelle, essa deve essere scartata. Nelcaso in cui la soluzione conservata in frigorifero fosse torbida, il prodotto deve essere lasciato riscaldare a temperatura ambiente. Se l`intorbidamento persiste, occorre scartare il flaconcinoe il suo contenuto. Zomacton deve essere ricostituito solo con l`apposito solvente. Se Zomacton venisse ricostituito con soluzione isotonica contenente m-cresolo allo 0,25% come conservan-te si determinerebbe intorbidamento. Si raccomanda di non miscelare Zomacton con altri farmaci che devono essere somministrati per via parenterale. Somministrazione. La dose diZomacton 12 puo` essere somministrata mediante ZomaJet 2, un dispositivo senza ago, oppure mediante una siringa convenzionale. Le istruzioni specifiche per l`uso di ZomaJet 2 sono ripor-tate nella brochure fornita con il dispositivo.
SOVRADOSAGGIO:
Non si deve superare la dose raccomandata di Zomacton. Sebbene non sianostati riportati casi di sovradosaggio con Zomacton, un sovradosaggio acuto puo` causare una ipoglicemia iniziale, seguita da iperglicemia di rimbalzo. Non sono noti gli effetti dovuti ad unuso prolungato, ripetuto di Zomacton a dosi superiori a quelle raccomandate. Tuttavia, e` possibile che tale uso possa provocare segni e sintomi compatibili con i noti effetti di un eccessodi ormone umano della crescita (come ad esempio marcato ingrossamento delle estremita` dello scheletro - acromegalia).
SCADENZA E NORME DI CONSERVAZIONE:
Conservare in frigorifero tra +2-oC e +8-oC e protetto dallaluce.
STABILITA`:
Dopo ricostituzione con soluzione salina isotonica, contenente il conservante (alcoolbenzilico allo 0,9%), Zomacton 12 e` stabile per 14 giorni se conservato tra +2-oC e +8-oC.


©MedicineLab.net