A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Home > N > NIMICOR





NIMICOR

PRODOTTIFORMENTI Srl
PRINCIPIO ATTIVO:
Nicardipina cloridrato.
ECCIPIENTI:
Polietilenglicole 6000, magnesio stearato, saccarosio, cellulosa microgranulare, po-livinilpirrolidone reticolato, idrossipropilcellulosa, etilcellulosa, E 171, E 172, polietilenglicole
4000.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Calcioantagonista.
INDICAZIONI:
Trattamento dell`ipertensione arteriosa sia in monoterapia che in associazione adaltri antiipertensivi; nella terapia e profilassi dell`angina pectoris sia stabile che vasospastica;
nel trattamento dell`insufficienza cardiaca congestizia cronica.
CONTROINDICAZIONI:
Ipersensibilita` gia` nota verso il principio attivo. Stenosi aortica serrata. Gra-vidanza accertata o presunta. Allattamento.
EFFETTI INDESIDERATI:
Con nicardipina sono stati talora segnalati a carico dell`apparato digerente:nausea, anoressia, pirosi gastrica, stitichezza o diarrea; a carico del sistema cardiovascolare: sensazione di calore o arrossamento del viso, palpitazioni, ipotensione, edema degli arti infe-riori. Altri effetti secondari osservati sporadicamente sono: cefalea, sonnolenza, senso di stordimento, scialorrea e minzione frequente. Occasionalmente sono stati osservati aumenti dellabilirubina, della SGOT, della SGPT e della fosfatasi alcalina. E` pertanto opportuno procedere a periodici controlli della funzionalita` epatica, interrompendo all`occorrenza il trattamento. Sonostati talora osservati aumenti dell`azotemia e della creatininemia. Anche tali parametri devono essere opportunamente controllati interrompendo il trattamento in caso di constatata anorma-lita`. In caso di comparsa di fenomeni di ipersensibilita`, quali rash cutanei e prurito diffuso, e` opportuno sospendere il trattamento. Ugualmente ci si comportera` nei rari casi in cui si osser-vasse granulocitopenia. Dopo l`assunzione di farmaci vasoattivi, anche se in casi estremamente rari, puo` essere avvertita una sensazione dolorosa a livello toracico: in questo caso e` bene con-sultare il medico.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
In pazienti con insufficienza epatica o renale si raccomanda una attentaindividualizzazione della dose. Particolare cautela e` consigliata in caso di impiego del farmaco nella fase acuta dell`infarto cerebrale o dell`emorragia cerebrale, od in presenza di ipotensionearteriosa.
AVVERTENZE SPECIALI:
In esperimenti su animali e` stato osservato che il peso dei feti e l`incrementoponderale era inferiore alla norma quando il farmaco veniva somministrato nell`ultima fase della gestazione. E` pertanto controindicato l`impiego in gravidanza. E` stato pure osservato che il far-maco viene escreto nel latte materno per cui e` opportuno evitare la somministrazione a donne che allattano. Nel caso in cui si ritenga indispensabile l`impiego della nicardipina, interromperel`allattamento. Talvolta, soprattutto se contemporaneamente si assumono alcolici, puo` ridursi la capacita` di reazione e di conseguenza la prontezza di riflessi di chi deve guidare autoveicolie far funzionare macchinari.
INTERAZIONI:
Il farmaco ha proprieta` vasodilatatrici e quindi puo` potenziare l`effetto di altri vaso-dilatatori ed antiipertensivi somministrati contemporaneamente. La cimetidina aumenta i livelli plasmatici di nicardipina, il cui dosaggio va eventualmente ridotto. La nicardipina aumenta i li-velli plasmatici di ciclosporina: si consiglia pertanto di monitorare tali livelli ed eventualmente ridurre il dosaggio di ciclosporina.
POSOLOGIA:
1 compressa 3 volte al giorno o secondo parere medico. Nell`ipertensione arteriosain un`elevata percentuale di pazienti sono stati ottenuti buoni risultati con 2 compresse 2 volte
al giorno.
SOVRADOSAGGIO:
In caso di sovradosaggio possono manifestarsi marcata ipotensione, bradicar-dia, sonnolenza e stato confusionale. Si consiglia di attenersi a misure standard generali di monitoraggio delle funzioni cardiaca e renale. Il paziente deve essere posto in posizione tale daevitare l`anossia cerebrale. E` essenziale il controllo frequente della pressione arteriosa. Gli effetti del blocco dell`ingresso degli ioni calcio possono essere eliminati somministrando calciogluconato endovena. In caso di ipotensione marcata puo` essere indicata la somministrazione endovenosa di sostanze ad azione vasopressoria o plasma expanders. La nicardipina non e` dia-lizzabile.


©MedicineLab.net