A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Home > G > GRADIENT





GRADIENT

POLIFARMA SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Flunarizina dicloridrato 5,9 - 11,8 mg pari a flunarizina base 5 - 10 mg.
ECCIPIENTI:
Lattosio, amido di mais, magnesio stearato. titanio biossido, gelatina.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Preparati antivertigine
INDICAZIONI:
Trattamento profilattico dell`emicrania con frequenti e gravi attacchi limitatamenteai pazienti che non hanno risposto ad altre terapie e/o nei quali tali terapie siano state causa di
gravi effetti collaterali. Trattamento sintomatico delle vertigini vestibolari dovute ad alterazionifunzionali del sistema vestibolare di accertata diagnosi.
CONTROINDICAZIONI:
Il prodotto e` controindicato in pazienti con affezicnI` depressive in atto opregresse. con preesistenti sintomi di malattia di Parkinson o di altri disturbi extrapiramidali.
EFFETTI INDESIDERATI:
I piu` comuni effetti collaterali sono la sonnolenza e/o astenia (20% ),che sonodi norma transitori, aumento di peso e/o aumento dell`appetito (11%). Nel trattamento a lungo termine sono stati segnalati i seguenti gravi effetti collaterali: depressione, per la quale sono ri-sultate maggiormente a rischio le donne con precedenti di malattia depressiva; sintomi extrapiramidali quali bradicinesia, rigidita`, acatisia, discinesie orofacciali, tremori,per i qualirisultano particolarmente a rischio i pazienti anziani. Con minore frequenza sono stati segnalati nausea, gastralgia, insonnia, ansieta`, galattorrea, secchezza delle fauci, muscolari ed eruzionicutanee.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Nei casi in cui l`astenia aumenta progressivamente la terapia deve es-sere interrotta. Si raccomanda di non superare le dosi consigliate. I pazienti devono essere controllati ad intervalli regolari, specie durante la terapia di mantenimento, per ricercare i primi segniextrapiramidali o depressivi in modo da interrompere tempestivamente il trattamento. Tale controllo deve essere particolarmente attento nei pazienti anziani. L`eventuale perdita di efficaciadel farmaco durante la fase di mantenimento richiede la sospensione della terapia.
AVVERTENZE:
EFFETTI SULLA CAPACITA` DI GUIDARE ED USARE MACCHINARI:
il prodotto, specie nella faseiniziale della terapia, puo` dare luogo a sonnolenza estrema cautela deve essere adottata durante le operazioni che richiedono una perfetta integrita` dello stato di vigilanza (guida di autoveicoli,macchinari pericolosi, ecc.).
USO IN GRAVIDANZA:
Non essendone stata stabilita la sicurezza di impiego,si sconsiglia l`uso dellaflunarizina in gravidanza. Non essendo disponibili dati sull`escrezione della flunarizina nel latte materno,si sconsiglia l`uso del prodotto durante l`allattamento.
INTERAZIONI:
La concomitante assunzione di` ipnotici o di ansiolitici e di altri psicofarmaci puo`causare una eccessiva sedazione. Per lo stesso motivo e` sconsigliabile assumere bevande alcooliche durante la terapia.
POSOLOGIA:
PROFILASSI DELL`EMICRANIA:
Terapia d`attacco: nei pazienti di eta` inferiore ai 65 anni,il trattamento va iniziato alla dose di 10 mg al giorno da assumere al momento di coricarsi: nei
pazienti di eta` superiore ai 65 anni, tale dosaggio va ridotto a 5 mg. Se durante tale fase deltrattamento compaiono depressione, segni extrapiramidali o altri gravi effetti collaterali, il trattamento deve essere interrotto. Se dopo due mesi non si osservano significativi miglioramenti,i pazienti debbono essere considerati refrattari alla terapia e la sonministrazione del farmaco deve essere interrotta. Terapia di mantenimento: se il paziente risponde in maniera soddisfa-cente e se si ritiene necessaria una terapia di mantenimento , la dose giornaliera deve essere ridotta e somministrata a giorni alterni ovvero per 5 giorni consecutivi con interruzione di duegiorni ogni settimana. Anche se il trattamento profilattico risulta efficace e ben tollerato esso leve essere interrotto dopo sei mesi e puo` essere ripreso solo in caso di recidiva.
V ERTIGINE:
ildosaggio giornaliero da utilizzare e` lo stesso di quello consigliato per l`emicrania ma il trattamento di attacco deve essere limitato al periodo necessario per il controllo dei sintomi, che dinorma e` inferiore a due mesi. In ogni caso se dopo un mese di terapia per le vertigini croniche o due mesi per le vertigini parossistiche non si osservano significativi miglioramenti il pazientedeve essere considerato refrattario alla terapia che pertanto deve essere interrotta.
SOVRADOSAGGIO:
Sulla base delle caratteristiche farmacologiche del farmaco, in caso di sovrado-saggio e` probabile la comparsa di sedazione e astenia. Nei casi segnalati di sovradosaggio acuto (fino a 600 mg in una sola assunzione sono stati osservati sedazione, agitazione e tachi-cardia. In caso di intossicazione acuta non esiste un antidoto specifico; possono essere impiegati la somministrazione di carbone attivo, la lavanda gastrica e l`induzione del vomito, nonche`terapie sintomatiche di supporto.


©MedicineLab.net